Crowdfunding: cos’è e come funziona?
April 06, 2018

Crowdfunding: cos’è e come funziona?

Chi non ha mai sentito parlare di crowdfunding? In Italia è un fenomeno ancora giovane, ma a livello globale il ricorso a tale strumento è sempre più diffuso. Se state riflettendo su come finanziare un’impresa o un’ idea imprenditoriale, questo concetto non vi sarà certamente nuovo.

Di cosa si tratta e come funziona?

Per Crowdfunding si intende un sistema di raccolta fondi tramite piattaforme online. Il termine racchiude in sé il concetto di “folla”, dall’inglese “crowd”, inteso come gruppo di persone accomunate dall’interesse verso un medesimo progetto a carattere economico, sociale, benefico o culturale, e quello di “finanziamento” (da “funding”), ossia di raccolta di denaro finalizzata alla realizzazione dello stesso.

Si tratta dunque di una modalità orientata al reperimento di denaro, che coinvolge la collettività e che si caratterizza come alternativa ai canali tradizionali di raccolta di capitali.

La diffusione del crowdfunding, le cui prime manifestazioni risalgono già a fine ottocento nel mondo anglosassone, si sviluppa però prevalentemente dall’ultimo decennio, favorita dall’ascesa dei social media e dalla situazione geopolitica globale.

Infatti, se come concetto, la raccolta fondi tramite gruppi di persone non rappresenta di per sé una grossa novità, la principale innovazione portata dal crowdfunding riguarda il modo in cui vengono impiegati gli strumenti informatici ad oggi disponibili. La capacità del web di coinvolgere un vasto numero di soggetti, altrimenti irraggiungibile, costituisce l’elemento di unicità e in questo senso le moderne piattaforme online di crowdfunding, nelle loro diverse accezioni, hanno dimostrato di poter raggiungere le più svariate comunità a supporto dei più disparati progetti.

Si tratta di un’industria in rapida crescita a livello mondiale, capace di capitalizzare ingenti risorse, rendendo la finanza alternativa che si serve di internet un elemento non più trascurabile, così come l’impatto che questa può avere sulle singole imprese o sull’intero sistema economico. Ad oggi infatti, esso è utilizzato per lo più da imprese o startup quale canale alternativo per reperire risorse finanziarie a sostegno della propria espansione o idea imprenditoriale.

Quali sono dunque i principali modelli di crowdfunding che si sono andati affermando nel tempo?

Tutte le tipologie di crowdfunding prevedono un progetto ed una molteplicità di sostenitori. Le differenze sono da ricercare nel tipo di remunerazione prevista a favore di tali soggetti finanziatori. Sulla base di ciò, distinguiamo dunque:

1. donation based crowdfunding: è il modello adottato dalle organizzazioni no profit e onlus in cerca di sostegno ai propri progetti di tipo benefico o culturale. Si tratta della forma di crowdfunding più tradizionale, in cui non è prevista alcuna ricompensa particolare al donatore, economico o di altro tipo.

2. reward based crowdfunding: è un modello che prevede, in cambio di una donazione in denaro, un cosiddetto “reward”, ossia una ricompensa ai soggetti sostenitori di natura non monetaria, bensì fisica o emozionale. Spesso la ricompensa è il prodotto stesso piuttosto che un premio o un riconoscimento immateriale.

3. royalty-based crowdfunding: la ricompensa in questo caso ha natura monetaria e consiste in una condivisione dei profitti o dei ricavi associati all’investimento, ma non prevede il rimborso del capitale o l’acquisizione di titoli di proprietà sul progetto;

4. crowdinvesting: è la modalità di maggiore interesse per le imprese alla ricerca di risorse finanziarie. Si tratta infatti di un finanziamento che avviene a titolo di investimento, al quale è associata una remunerazione. Gli investitori finanziari possono, attraverso una piattaforma online come ad esempio la nostra di PrestaCap, sostenere un progetto, in cambio di una remunerazione del capitale. Le startup in particolare accettano in alcuni casi che l’investitore diventi socio dell’azienda, con la sottoscrizione di capitale di rischio (equity).

Si tratta quindi di un modo innovativo di ottenere un finanziamento per un nuovo progetto o attività imprenditoriale, che ci aspettiamo possa crescere anche in Italia.

Sei un’impresa e vuoi supportare la tua attività o progetto? E’ arrivato anche per te il momento di approfondire le opportunità del crowdfunding!