Protezione dati: il Fintech con PrestaCap
November 13, 2016

Protezione dati: il Fintech con PrestaCap

La digitalizzazione dei servizi finanziari ha sollevato nuovi interrogativi da parte degli utenti in tema di sicurezza dei propri dati nei processi di trasmissione ed elaborazione online. Le banche tradizionali si appellano al segreto bancario e dichiarano la massima sicurezza e trasparenza per quanto riguarda la privacy dei dati.

Essa tuttavia cela non poche problematiche da parte delle banche stesse. Il cosiddetto segreto bancario non deve essere infatti confuso con le privacy dei dati, che può essere garantita solo attraverso le moderne tecnologie informatiche. Sappiamo però che il mondo bancario è stato colpito duramente dalla crisi del 2008 e questo ha indubbiamente frenato gli investimenti in tecnologia, cosa che nel tempo ha in certi casi creato un gap tra quanto dichiarato dalle banche in merito alla sicurezza dei propri processi e le nuove esigenze legate alla digitalizzazione.

Gli innumerevoli scandali a seguito del furto di dati in alcune delle maggiori banche finite sotto l’attacco di hacker ne sono la riprova e hanno irrimediabilmente minato la fiducia generale degli utenti. Ed è proprio intorno a questa dinamica, insieme ad altri non meno importanti fattori, che vengono a trovarsi in vantaggio i nuovi operatori del Fintech, i quali la partita contro le banche in tema di privacy la giocano per così dire “in casa”.

La digitalizzazione è infatti parte integrante del DNA della neo-industria del Fintech, che si pone così già attrezzata rispetto alle crescenti esigenze di sicurezza legate alla privacy dei dati. Così come altre piattaforme Fintech, anche PrestaCap riconosce estrema importanza alla privacy dei dati e si impegna a prendere tutte le misure necessarie per tutelare appieno i suoi utenti. Ecco di seguito qualche esempio di come i dati vengono trattati e tutelati.

Banche vs. Fintech

Nella teoria qualsiasi provider di un servizio online, sia esso una banca o una delle nuove piattaforme, assicura ai propri utenti la massima tutela per quanto riguarda il rischio che i propri dati siano illecitamente alternati o cadano nelle mani di terzi non autorizzati. Gli operatori del Fintech in questo senso non fanno eccezione.

Tuttavia diversamente dalla maggior parte delle banche, essi dispongono nella pratica di potenti tecnologie in grado di salvaguardare opportunamente i dati. Per meglio comprendere le differenze strutturali tra una banca e una piattaforma Fintech possiamo immaginarci i sistemi a disposizione delle banche come degli edifici con un numero considerevole di accessi e dove tutte le stanze sono interconnesse.

Questo edificio originariamente costruito in tal modo proprio per meglio immagazzinare una mole considerevole di dati, nel contesto attuale rende il sistema banca fragile e facilmente aggredibile. Per i ladri di dati è sufficiente infatti che uno solo degli accessi sia lasciato incustodito per intrufolarsi in questo gigantesco edificio. D’altro canto garantire contemporaneamente, per ogni ingresso, la massima sicurezza può finire col costare alla banca stessa uno sforzo molto superiore alle sue stesse forze.

I Fintech invece per natura sono attrezzati di fronte a tali pericoli. Possiamo paragonarli ad una torre protetta da una recinzione ad alta sicurezza. Ogni piano è separato dall’altro e vi si può accedere attraverso una sola porta di sicurezza. Assicurarsi l’accesso al suo interno sarebbe più difficoltoso e al tempo stesso il rischio di essere colti sul fatto sarebbe enormemente più elevato.

Si tratta quindi di una struttura decisamente più efficiente. Questo comporta che anche il processo di gestione dei servizi offerti sia più efficace e veloce. L’immissione dei propri dati in una richiesta di credito per esempio richiede solo pochi minuti e non si deve attendere l’arrivo di documenti di conferma via posta. Tutto ciò consente di risparmiare notevolmente costi ed energie ed i soggetti richiedenti possono così avere accesso al prestito beneficiando di tempi veloci e bassi costi.

Come vengono trattati i tuoi dati su PrestaCap?

Per effettuare una richiesta di finanziamento ti verrà richiesto di caricare alcune informazioni sulla nostra piattaforma.

Non si tratta di dati personali o che permettano di giungere a conclusioni inequivocabili circa la tua impresa o persona, bensì di informazioni chiave relative al settore, alla classe di rischio, nonché un breve riassunto dell’attività della tua azienda e le prerogative della tua richiesta di finanziamento.

Quando questi dati vengono immessi nel nostro portale, viene utilizzato un protocollo di sicurezza SSL così che i tuoi dati siano al 100% protetti da qualsiasi azione illecita da terze parti. Attraverso questo meccanismo, con PrestaCap tuoi dati sono in totale sicurezza! La tua privacy è per noi di vitale importanza, quanto è importante per te lo è altrettanto per noi. Per ulteriori informazioni circa la nostra politica sulla privacy visita le norme sulla privacy all’interno del nostro sito.

Con PrestaCap scegli come gestire il tuo investimento finanziario in maniera digitale.