Accesso al credito: le forme di garanzia
May 11, 2019

Accesso al credito: le forme di garanzia

Per garanzia si intende la tutela delle esigenze economiche di un certo soggetto. In un rapporto tra due o più soggetti, essa è rappresentata da un soggetto garante che si assume la responsabilità di garantirne un altro; nel rapporto istituto finanziario/impresa, l’imprenditore che fa richiesta di credito o un terzo soggetto per suo conto, privato o pubblico.

Ai fini dell’accesso al credito è dunque fondamentale conoscere le varie tipologie di garanzia possibili e i vantaggi ad esse connesse. La garanzia infatti può essere vista come un supporto accessorio alla richiesta di finanziamento, il ricorso alla quale permette all’impresa di presentarsi all’ente finanziatore come soggetto maggiormente affidabile ampliando così le possibilità che la propria richiesta di credito vada a buon fine. Non solo, le garanzie consentono anche di accedere a condizioni creditizie maggiormente vantaggiose. Affinche tale opportunità sia praticabile, l’impresa deve però possedere effettive capacità di rimborso del finanziamento, provate da una situazione finanziaria stabile e affiancate da un progetto imprenditoriale concreto e sostenibile.

Quali sono le tipologie di garanzia per l’accesso al credito?

Distinguiamo diverse forme di garanzia in base al soggetto garante, vale a dire l’imprenditore stesso o soggetti terzi, quali lo Stato o organismi di tipo consortile, quai i Confidi. Ecco di seguito le più note:

1.Fondo di Garanzia Statale: è l’agevolazione statale, operativa dal 2000, finalizzata a favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese italiane, mediante la quale lo Stato si fa garante dell’operazione di finanziamento. L‘impresa che rispetti i requisiti previsti può quindi fare richiesta al Fondo, così da attivare la garanzia che può arrivare a coprire fino ad un massimo dell’80% dell’importo finanziato.

2.Confidi: si tratta di associazioni consortili presenti su tutto il territorio nazionale, la cui attività principale è proprio quella di fornire garanzie verso gli istituti finanziari a favore delle richieste di finanziamento delle proprie imprese associate, così da agevolarne l’accesso al credito. In che comodo il confidi facilita l’accesso al credito?Attraverso i Fondi Consortili, i quali sono costituiti sia attraverso risorse pubbliche sia attraverso i contributi degli imprenditori associati. Attraverso la garanzia prestata dai Confidi, l’impresa può contare su un garante affidabile, assicurandosi dunque maggiori e migliori opportunità di finanziamento.

3.Fideiussione: si tratta di una garanzia di carattere personale mediante la quale un soggetto, il cosiddetto fideiussore, si obbliga nei confronti del creditore a soddisfare in via accessoria l’obbligazione assunta da altri. Il ruolo del fideiussore è dunque quello di garantire la banca per l’adempimento delle obbligazioni dell’impresa richiedente, nel caso quest’ultima non restituisca nella sua totalità il finanziamento ottenuto.

4. Pegno ed ipoteca: sono due tipi di garanzie reali che consistono nella possibilità di prelazione a favore del creditore sui beni del debitore(immobili, terreni, etc) in caso di mancato pagamento dell’importo concesso.